Creep è una canzone in della  rock band alternative inglese Radiohead.

I Radiohead hanno pubblicato Creep, come loro singolo di debutto nel 1992, e in seguito è apparsa sul loro primo album, Pablo Honey del 1993. Durante la sua prima release, Creep non è stata un successo nelle classifiche. Tuttavia, dopo riedizione nel 1993, è diventata un successo mondiale. I partecipanti dei primi concerti dei Radiohead spesso hanno dimostrato poco interesse per le altre canzoni della band, causando una reazione piuttosto drastica nei confronti di Creep che è stata suonata sempre meno spesso durante la seconda metà degli anni 1990. Nel 1998, a metà del loro tour di promozione di OK Computer, la band ha tolto del tutto la canzone dalla scaletta dei concerti. Da allora Creep non è più stata suonata dal vivo fino al 2001, quando la fecero nel bis finale di un concerto di 2001 nella loro città natale a South Park, Oxford, con una decisione apparentemente improvvisata dopo un guasto dell’apparecchiatura con l’organo appena dopo l’inizio della “Motion Picture Soundtrack”. In quella occasione Thom Yorke ha commentato che avrebbero suonato una “canzone leggermente più vecchia … credo.” In seguito è riapparsa talvolta nelle esibizioni della band, sebbene raramente e mai negli ultimi anni.

Secondo il bassista dei Radiohead, Colin Greenwood, Thom Yorke ha scritto Creep, mentre studiava alla Exeter University alla fine del 1980. Il chitarrista, Jonny Greenwood ha detto che la canzone è stata ispirata da una ragazza che Yorke aveva seguito in giro che si presentò inaspettatamente durante uno spettacolo della band.

Nel 1992 durante le sessioni di prova con i produttori Sean Slade e Paul Q. Kolderie, i Radiohead decisero spontaneamente di eseguire Creep. Yorke ha descritto “Creep” per i produttori come “la nostra canzone di Walker Scott”, facendo riferimento al noto cantante statunitense degli anni sessanta e settanta. Slade e Kolderie capirono male questa osservazione del cantante e si convinsero che la canzone fosse una cover.

Dopo varie tensioni sorte a causa dei tentativi poco soddisfacenti di registrare altre canzoni, Slade e Kolderie tentarono di sollevare il morale chiedendo ai Radiohead di suonare nuovamente Creep. La band registrò la canzone suonandola una sola volta di filato, e alla fine tutti in sala scoppiarono in un applauso. A quel punto, una volta che ha assicurati i  produttori che Creep fosse una  canzone originale, chiamarono la EMI per dire loro di considerare la canzone come il prossimo singolo dei Radiohead, anche se – nonostante la registrazione fosse così buona da richiedere solo sovraincisioni minimali – la band non sembrava avere l’intenzione di pubblicarla. Furono i produttori a insistere, essendo rimasti molto colpiti dall’esecuzione.

Il brano tuttavia ebbe qualche problema a causa della somiglianza con un pezzo registrato da The Hollies nel 1973: The Air That I Breathe (Creep utilizza una progressione di accordi usata anche in The Air That I Breathe nella sua strofa e una melodia dopo il secondo ritornello). Per questo i Radiohead sono stati citati in giudizio con successo per plagio. Di conseguenza, Albert Hammond e Mike Hazlewood, autori di “The Air That I Breathe sono accreditati come co-autori di “Creep”.

Quando la canzone passa dalla strofa al ritornello, Jonny Greenwood interpreta tre “note morte” sulla chitarra. Greenwood ha dichiarato di averlo fatto perché non gli piaceva l’atmosfera tranquilla della canzone, e quindi ha colpito le corde molto forte, ricavando un rumore insolito e particolare. Ed O’Brien ha detto: “Questo è il suono di Jonny che cerca di dare una smossa alla canzone. Non gli era piaciuto per niente come avevamo suonato il pezzo la prima volta, così ha provato a rovinarlo. Ed ha fatto la canzone “. Quei tre accordi stonati sono diventati infatti il tratto più immediatamente riconoscibile del brano.  Nella parte finale del brano si sente Jonny Greenwood che suona il pianoforte. In realtà si tratta di un “errore”, in quanto Kolderie si era ricordato di aggiungere solo alla fine della canzone la parte del pianoforte durante il mix finale, ma la band ha approvato il risultato conclusivo.

Secondo l’autore, Thom Yorke, Creep racconta la storia di un uomo ubriaco che cerca di ottenere l’attenzione di una donna a cui è attratto, seguendola in giro. Alla fine, gli manca la fiducia verso di lei. Alla domanda su Creep nel 1993, Yorke ha detto, “Ho un problema reale con l’essere un uomo negli anni ’90 … Ogni uomo con qualsiasi sensibilità o coscienza verso il sesso opposto dovrebbe avere un problema. Affermare in realtà se stessi in un modo maschile prescindendo dal fatto che suono in una band hard-rock è una cosa molto difficile da fare … Si torna alla musica che scriviamo, che non è effeminata, ma non è nemmeno brutale nella sua arroganza. Si tratta di una delle cose che da sempre sto cercando di fare: affermare una personalità sessuale e, dall’altro cercare disperatamente di negarla “.  Jonny Greenwood ha detto che la canzone era in realtà una canzone felice sul “Riconoscere ciò che sei”.

Molti hanno interpretato cover di Creep: ad esempio si ricordano una versione “crooner” di Frank Bennett nel 1996, una dei Korn durante il loro concerto MTV Unplugged nel 2006, e infine quella di Macy Gray nel 2012.

Rimane comunque uno dei pezzi più straordinari dei Radiohead.

Creep è stata scelta per essere interpretata da Alan Scaffardi nella prima puntata del live di X Factor 2013.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Creep in download digitale su iTunes

When you were here before – Quando eri qui prima
Couldn’t look you in the eye – Non ti si poteva guardare negli occhi
You’re just like an angel – Sei come un angelo
Your skin makes me cry – La tua pelle mi fa piangere
You float like a feather – Tu galleggi come una piuma
In a beautiful whirl – In un bellissimo vortice
I wish I was special – Io avrei voluto essere speciale
You’re so fucking special – Tu sei così fottutamente speciale

But I’m a creep – Ma io sono un verme
I’m a weirdo – Sono uno strano
What the hell am I doing here? – Che diavolo ci faccio qui?
I don’t belong here – Io non appartengo a questo posto

I don’t care if it hurts – Non mi importa se fa male
I want to have control – Voglio avere il controllo
I want a perfect body – Voglio un corpo perfetto
I want a perfect soul – Voglio un’anima perfetta
I want you to notice when I’m not around – Voglio che tu ti accorga di quando non sono in giro
You’re so fucking special – Sei così fottutamente speciale
I wish I was special – Io avrei voluto essere speciale

But I’m a creep – Ma io sono un verme
I’m a weirdo – Sono uno strano
What the hell am I doing here? – Che diavolo ci faccio qui?
I don’t belong here – Io non appartengo a questo posto

She’s running out the door – Lei sta correndo fuori dalla porta
She’s running – Lei sta correndo
She runs runs runs runs – Le corre corre corre corre
Runs – corre

Runs – corre

Whatever makes you happy – Qualunque cosa ti rende felice
Whatever you want – Tutto ciò che volete
You’re so fucking special – Sei così fottutamente speciale
I wish I was special – Io avrei voluto essere speciale

But I’m a creep – Ma io sono un verme
I’m a weirdo – Sono uno strano
What the hell am I doing here? – Che diavolo ci faccio qui?
I don’t belong here – Io non appartengo a questo posto
I don’t belong here – Io non appartengo a questo posto

pippo

Rispondi

eAdv

Categorie