cover

Ev’ry Time We Say Goodbye è una canzone con testi e musiche di Cole Porter del 1944.

Nella frase del testo “From major to minor” (dalla scala maggiore alla minore), Porter inizia con un accordo maggiore A ♭ e termina con un A ♭ minore, facendo corrispondere le parole alla musica.

La canzone è diventato uno standard jazz dopoaver guadagnando grande popolarità tra la fine degli anni ’50 e i primi anni 1960. Molti artisti hanno sostituito l’apostrofo in “ev’ry” con una “e”.

Le versioni cover di questo grande classico non si contano: da Chet Baker a Ray Charles, da Ella Fitzgerald Annie Lennox, da Nina Simone a Robbie Williams. Noi abbiamo scelto la versione intensa e fragilissima dei Simply Red.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Ev’ry Time We Say Goodbye in download digitale su iTunes

Every time we say goodbye – Ogni volta che ci diciamo addio
I die a little – Io muoio un po’
Every time we say goodbye – Ogni volta che ci diciamo addio
I wonder why a little – Mi domando un po’ perché
Why the Gods above me – Perché gli Dei sopra di me
Who must be in the know – Che devono essere a conoscenza di tutto
Think so little of me – Pensano così poco a me
They allow you to go – Ti lasciano andare via Continua a leggere

Skinny Love è il primo singolo estratto da For Emma, Forever Ago album di debutto del gruppo folk statunitense Bon Iver pubblicato nel 2007.

Birdy ne ha fatto una cover pubblicata il 30 gennaio 2011, inserita poi nel suo album di debutto.

Skinny Love è stata scelta da Mika per l’interpretazione di Viò nella sesta puntata di X Factor 7 del 28 novembre 2013.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Skinny Love – link per scaricarla su iTunes

Come on skinny love just last the year – Vieni esile amore, solo fino a fine anno
Pour a little salt we were never here – versa un po’ di sale non siamo mai stati qui
My, my, my, my, my, my, my, my –
Staring at the sink of blood and crushed veneer
 – fissando il sangue sul lavandino scrostato

Continua a leggere

Mad World è una canzone originariamente incisa dalla band britannica Tears for Fears. Il brano, scritto da Roland Orzabal e cantato dal bassista Curt Smith, è stato il terzo singolo pubblicato dalla band e il loro primo hit chart, raggiungendo la posizione numero 3 della UK Singles Chart nel novembre 1982.

Due decenni più tardi , la canzone conobbe una incredibile rinascita popolare dopo che ne venne realizzata una cover in uno stile minimalista, con un ritmo molto più lento da parte dei compositori statunitensi Michael Andrews e Gary Jules per la colonna sonora del film Donnie Darko nel 2001. Questa versione ha raggiunto la posizione numero 1 nel Regno Unito nel dicembre 2003, e ha triscosso un notevole un successo internazionale.

Da allora, la versione di Gary Jules è stata usata in molte serie TV americane come CSI: Crime Scene Investigation e Dr. House – Medical Division.

Mad World è stata scelta da Morgan per l’interpretazione di Michele nella Quinta puntata di X Factor 7 del 21 Novembre 2013.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Mad World in download digitale su iTunes

All around me are familiar faces – Tutto intorno a me ci sono volti familiari
Worn out places, worn out faces – Luoghi logori, i volti usurati
Bright and early for the daily races – Di buon’ora per le corse di ogni giorno
Going nowhere, going nowhere – Per andare da nessuna parte, per andare da nessuna parte Continua a leggere

Il mio mondo è un brano del 1963 interpretato da Umberto Bindi ed è stato scritto dal cantautore genovese su testo di Gino Paoli. Il brano venne arrangiato e orchestrato da Luis Bacalo e riscosse un grande successo in Italia e all’estero, grazie alle cover in lingua francese con il titolo di Ce monde di Richard Anthony e in lingua inglese con il titolo di You’re My World di Cilla Black (ma se ne conoscono anche una versione svedese, una croata e una turca).

In seguito altri grandissimi artisti la interpretarono: da Tom Jones, a Dionne Warwick, da Shirley Bassey a Helen Reddy. Bindi stesso la riproporrà, nel 1985, in un bellissimo duetto con Loredana Berté.

Anche Morgan, da sempre straordinario ammiratore dell’opera di Umberto Bindi, l’ha interpretata per il suo album Morganicomio: Morgan al suo meglio.

Nel 2005, a tre anni dalla scomparsa di Bindi, uscì un album antologico dallo stesso titolo, che contiene alcuni grandi successi e sette brani fino ad allora inediti.

Immagine anteprima YouTube

Il testo di Il mio mondo in download digitale su iTunes

Il mio giorno è cominciato in te,
la mia notte mi verrà da te
Un sorriso ed io… sorriderò
Un tuo gesto ed io… piangerò Continua a leggere

A TE è l’album-tributo che Fiorella Mannoia ha inciso per dedicare un tributo al grande Lucio Dalla.

Il disco – registrato in presa diretta con l’orchestra Sesto Armonico e arrangiato da cinque celebri direttori d’orchestra: Peppe Vessicchio, Pippo Caruso, Stefano Zavattoni, Marcello Sirignano e Paolo Buonvino – è stato pubblicato il 29 ottobre 2013 e nasce dal desiderio della cantante romana di ricordare un artista che ha lasciato un segno indelebile nella storia della musica italiana.

fiorella-mannoia-a-te-cd-cover

La lista tracce e il link per scaricare A Te (Special Edition) da iTunes

1. Stella di mare
2. Se io fossi un angelo
3. Chissà se lo sai
4. La casa in riva al mare
5. Anna e Marco
6. Milano
7. Caruso
8. La sera dei miracoli (feat. Alessandra Amoroso)
9. Cara
10. Felicità (feat. Ron)
11. Sulla rotta di Cristoforo Colombo

Gianni Morandi, nasce a Monghidoro, un piccolo comune in provincia di Bologna 11 dicembre 1944. Alla sua terra d’origine rimarrà sempre legatissimo, tanto che nel 2010è stato nominato presidente onorario della squadra di calcio cittadina. Ha interpretato moltissimi brani e di alcuni è anche stato autore. E’ stato anche apprezzato conduttore televisivo, ha partecipato sei volte al Festival di Sanremo, vincendolo una volta in trio con Enrico Ruggeri e Umberto Tozzi. Lo ha anche condotto due volte. E’ uno dei cantanti più noti e amati della musica leggera italiana e uno degli interpreti che ha avuto più successo nel mondo, con 50 milioni di copie vendute dei suoi album e singoli a livello nazionale e internazionale

Scende La Pioggia è il brano con cui vinse Canzonissima nel 1968 ed è la versione italiana di un brano americano interpretato dal gruppo The Turtles (già noti per il brano Happy Together del 1967) con il titolo di Eleanore.

Gianni Morandi ha pubblicato un nuovo brano nel 2013 dal titolo Solo insieme saremo felici.

Immagine anteprima YouTube

Il testo di Scende La Pioggia in download digitale su iTunes

Tu nel tuo letto caldo
io per la strada al freddo
ma non è questo
che mi fa triste Continua a leggere

How Deep Is Your Love è un brano interpretato dai Bee Gees nel 1977.

I Bee Gees nascono sull’isola di Man, un’isola che si trova nel Mar d’Irlanda, tra l’Irlanda e l’isola britannica: si tratta di un caso politicamente molto particolare in quanto essa non fa parte del Regno Unito né dell’Unione europea, ma è una dipendenza della Corona britannica pur avendo un governo autonomo. Dalla passione musicale di tre fratelli, Barry, Robin e Maurice Gibbs nacquero negli anni sessanta i Bee Gees. Purtroppo sia Robin che Maurice (gemelli eterozigoti) sono scomparsi: il primo nel 2012 e il secondo nel 2003, ma ci hanno lasciato alcuni dei più bei pezzi musicali di sempre, tra cui How Deep is your Love.

Scritta originariamente per Yvonne Elliman, divenuta famosa per aver splendidamente interpretato la parte di Maria Maddalena nel film musical Jesus Christ Superstar, di cui si ricorda in particolare la meravigliosa Everything’s Alright, il brano venne invece scelto per la colonna sonora del film La febbre del sabato sera, che lanciò definitivamente John Travolta e la Disco-music. A Yvonne i Bee Gees chiesero invece di interpretare un’altro brano inserito nella stessa colonna sonora: If I Can’t Have You.

Tra le molte cover di questa canzone: si ricordano la versione di  Mina inclusa in Finalmente ho conosciuto il conte Dracula del 1985, quella raffinatissima dei The Birds and the Bees inserita nella colonna sonora del film Sex and the City, quella intensissima di Cristina Donà, quella di John Frusciante, ex chitarrista dei Red Hot Chili Peppers, che la suona spesso durante i concerti in versione acustica per soli chitarra e voce. La versione però forse più nota è quella dei  Take That, che la scelsero come  unico inedito del loro Greatest Hits uscito subito prima dello scioglimento della band.

Rimane comunque una canzone d’amore bellissima.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di How Deep Is Your Love in download digitale su iTunes

I know your eyes in the morning sun – Conosco i tuoi occhi al sole del mattino
I feel you touch me in the pouring rain – Sento quando mi sfiori mentre cade la pioggia
And the moment that you wander far from me – E il momento in cui vaghi lontana da me
I wanna feel you in my arms again – Voglio sentirti di nuovo tra le mie braccia
And you come to me on a summer breeze – E tu vieni a me, portata da  una brezza estiva
Keep me warm in your love, then you softly leave – Mi tieni al tepore del tuo amore, poi dolcemente ti allontani
And it’s me you need to show – Ed è a me che hai bisogno di mostrare
How deep is your love – Quanto sia profondo il tuo amore Continua a leggere

Amandoti è una canzone scritta nel 1987 dal gruppo musicale emiliano CCCP Fedeli alla linea per il loro primo e unico spettacolo teatrale intitolato Allerghia. Atto unico di confusione umana, dove era stata interpretata da Annarella Giudici, uno dei membri della band.

Gli autori sono la voce e la chitarra del gruppo, Giovanni Lindo Ferretti e Massimo Zamboni, e proprio lo stesso Ferretti la interpretò in una nuova versione che venne inserita nel loro quarto album di studio del 1990 intitolato Epica Etica Etnica Pathos. In esso Amandoti viene chiamata “sedicente cover” proprio perché si tratta in effetti di una reinterpretazione di un loro proprio brano.

Nel 2004 il brano riscosse un successo notevole (e molto superiore all’originale) grazie alla cover di Gianna Nannini

Nel 2009 Amandoti venne scelta da Morgan per essere interpretata da Noemi, allora in gara nella seconda edizione di X Factor, che ne diede una versione personalissima di struggente intensità e potenza.  Proprio questa versione è stata selezionata da noi.

Il testo racconta una storia di un amore passionale e sofferto, un amore pesante che leva energie ma a cui non si riesce a rinunciare. Non viene però data a colpa a nessuno: è qualcosa di connaturato alla vita stessa, in particolare al modo di vivere di chi racconta la storia. E nemmeno si vuole per questo fare a meno di questo amore che, per quanto faticoso, consola. Riempie le notti vuote e dà anche allegria. Per questo lo si desidera, lo si chiede, lo si vuole: che duri un’ora, un mese o un anno, finché dura esso regala una passione totalizzante nella quale immergersi perdutamente.

Immagine anteprima YouTube

Il testo di Amandoti in download digitale su iTunes

Amarti m’affatica,
Mi svuota dentro
Qualcosa che assomiglia al ridere nel pianto
Amarti m’affatica
Mi dà malinconia
Che vuoi farci: è la vita
È la vita, la mia Continua a leggere

Light My Fire è una canzone dei The Doors e inserita nel loro album omonimo del 1966. Il brano venne in seguito pubblicato come singolo nel 1967.

La composizione di Light my fire si deve ad un intervento della band, e in particolare del suo leader e cantante, Jim Morrison, che sviluppò una composizione incompiuta del chitarrista, Robby Krieger. Il brano venne realizzato per l’album in una versione lugna più di sette minuti, ma ne venne realizzata anche una versione breve, più adatta alla lunghezza media dei brani dell’epoca, per renderla più facilmente accettata dalle stazioni radio, che al tempo costituivano il più veloce e sicuro mezzo per far conoscere la propria musica al pubblico e quindi alimentare le vendite.

Solo un anno dopo la sua pubblicazione come singolo, José Feliciano, lo straordinario cantante, chitarrista e compositore portoricano ne realizzò una versione riarrangiata su sonorità latine portandola di nuovo ad uno straordinario successo che gli consentì, tra l’altro di vincere con questo brano un Grammy Award come “miglior performance maschile pop” e “miglior nuovo artista” del 1968. Molti hanno parlato di questa versione di Feliciano come del primo tentativo di successo, poi seguito da grandissimi artisti, di mescolare due mondi fino ad allora ritenuti lontani e inconciliabili: la musica anglosassone, rock e pop con le sonorità jazz e latine.

Entrambe le versioni del pezzo sono state scelte da moltissimi artisti che hanno voluto riproporre cover di Light my Fire: da Amii Stewart Stevie Wonder, da Trini Lopez ai Massive Attack, da Alicia KeysAstrud Gilberto, agli UB40 fino alla fortunatissima versione di Will Young del 2002.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Light My Fire in download digitale su iTunes

You know that it would be untrue – Sai che sarebbe una menzogna
You know that I would be a liar – Sai che sarei un bugiardo
If I was to say to you – Se mi mettessi a dirti
Girl, we couldn’t get much higher – Ragazza, non possiamo arrivare molto più in alto Continua a leggere

Venus è una canzone originariamente scritta e interpretata  nel 1969 dal gruppo olandese Shocking Blue, che divenne un grandissimo successo (tanto da raggiungere la posizione numero 1 della Billboard Hot 100 il 7 febbraio 1970). Il brano venne poi  portato nuovamente al successo nel 1986, grazie alla cover interpretata in chiave dance dalle Bananarama, un trio femminile pop rock / dance britannico composto da Sara Dallin, Siobhan Fahey, e Keren Woodward, che la inclusero nel loro album del 1985, True Confessions  prodotto dai tre maghi della dance della decade, Stock, Aitken &Waterman. Proprio Venus può essere considerato il loro più grande successo: anche la loro versione infatti raggiunge la posizione numero 1 della Billboard Hot 100.

Il successo della cover delle Bananarama si deve soprattutto al video che la accompagna, che mette in risalto la bellezza, la sensualità e l’eclettismo del gruppo, che cambiano più volte costume e ambientazione, arrivando persino a ricreare la scena rappresentata ne La nascita di Venere di Sandro Botticelli. Questa combinazione le fece diventare vere e proprie icone gay, ruolo che hanno accolto con gioia e che le ha portate anche a prestarsi come madrine di alcuni Gay Pride in tutto il mondo.

La canzone è stata in seguito interpretata da altri artisti ed è stata impiegata come colonna sonora di vari film, show televisivi e pubblicità. Mina ne ha inciso una sua versione per per il suo album Si, buana del 1986, mentre una versione con il testo in italiano era stata incisa dai Dalton nel 1969.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Venus in download digitale su iTunes

Goddess on the mountain top – Dea sulla cima della montagna
Burning like a silver flame – Brucia come una fiamma d’argento
The summit of beauty and love – Il punto più alto di bellezza ed amore
And Venus was her name – E Venere era il suo nome Continua a leggere

eAdv

Categorie