1984

Gli Spandau Ballet sono una band inglese formatasi a Londra alla fine del 1970. Si sono ispirati e hanno fatto poi parte integrante del movimento New Romantic, diventando uno dei gruppi di maggior successo ad emergere di questa corrente musicale.
I’ll Fly for You è un brano inserito nel loro quarto album di studio, Parade pubblicato il 25 maggio 1984 da Chrysalis Records.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di I’ll Fly for You in download digitale su iTunes

Passion take the wind – La passione prende il volo
and break me from this tie – e mi libera da questo legame
we’re mortals on the earth – siamo mortali sulla terra Continua a leggere

Take on Me è una canzone del 1984 dei norvegesi A-HA, inserita nell’album Hunting High and Low, del 1985.

Caratteristico e molto innovativo per i tempi il videoclip in stile simil-rotoscopico delle immagini, che mescolano live action e cartoon.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Take on me

We’re talking away – Stiamo parlando a lungo
I don’t know what – non so cosa
I’m to say I’ll say it anyway – sto per dire ma lo dirò comunque
Today’s another day to find you – oggi è un altro giorno per trovarti
Shying away – tu stai arretrando
I’ll be coming for your love, OK? – tornerò per il tuo amore, ok?

Continua a leggere

The Wild Boys è stato il 12° singolo pubblicato dai Duran Duran, ed è l’unico brano di studio incluso nell’album Live Arena, del 1984. E’ stato uno dei più grandi successi della band britannica, arrivando al secondo posto della American Billboard Hot 100 e al primo posto delle classifich di mezza europa, inclusa l’Italia.

L’ispirazione per il brano venne dal romanzo del 1971 The Wild Boys: A Book Of The Dead dello scrittore statunitense William S. Burroughs, che il regista Russell Mulcahy – a lungo collaboratore Duran Duran – voleva trasformare in un film. Egli propose quindi alla band di comporne la colonna sonora, analogamente a come avevano fatto i Queen per il film Highlander. Di questo progetto ambizioso prese vita solo questo pezzo, e il video del brano, girato dallo stesso Mulcahy, che richiama l’atmosfera che il regista avrebbe desiderato per il film.

Scarica The Wild Boys  in formato digitale da iTunes a meno di un euro.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di The Wild Boys

The wild boys are calling – I ragazzi scatenati stanno chiamando
On their way back from the fire – Mentre si allontanano dal fuoco
In august moon’s surrender to – In agosto la luna si arrende a
A dust cloud on the rise – Una nuvola di polvere che cresce
Wild boys fallen far from glory – I ragazzi scatenati caduti lontano dalla gloria
Reckless and so hungered – Incoscienti e così affamati
On the razors edge you trail – vi arrampicate sul filo del rasoio
Because there’s murder by the roadside – Perché c’’è stato un omicidio sul bordo della strada
In a sore afraid new world – In un nuovo mondo dolente e impaurito Continua a leggere

People Are People è il primo singolo estratto da Some Great Reward, album del 1984 dei Depeche Mode.

Scritta da Martin Gore e rilasciata il 12 marzo 1984 è stata la loro prima canzone di successo negli Stati Uniti.

Immagine anteprima YouTube

People are people so why should it be – Le persone sono persone quundi perché dovrebbe essere
You and I should get along so awfully? – che tu e io si vada così terribilmente d’accordo?

So we’re different colours – Quindi siamo diversi colori
And we’re different creeds – e siamo di credi diversi
And different people have different needs – e persone diverse hanno esigenze diverse
It’s obvious you hate me – è ovvio che mi odi
Though I’ve done nothing wrong – anche se ho fatto niente di male
I never even met you – non ti ho mai incontrato
So what could I have done – così che cosa avrei potuto fare

Continua a leggere

Canzone scritta da Mark Hollis, leader dei Talk Talk, Such A Shame è il secondo singolo estratto da It’s My Life, secondo album della band britannica.

Immagine anteprima YouTube

Such a shame to believe in escape – Una tale vergogna credere nella fuga
‘A life on every face’ – una vita in ogni viso
And that’s a change – E questo è un cambiamento
Till I’m finally left with an eight – Fino a che non uscirò con un otto
Tell me to relax, I just stare – Dimmi di rilassarmi, resto impalato a fissare
Maybe I don’t know if I should change – Forse non so se dovrei cambiare
A feeling that we share – Un sentimento che condividiamo
It’s a shame – È una vergogna

Continua a leggere

Purple Rain è la title track del sesto album di studio di Prince, il vulcanico, eclettico e straordinario cantautore americano. È anche il titolo dell’omonimo film a cui fece da colonna sonora.

Quale sia il significato della “pioggia viola” non è chiaro, ma c’è chi pensa che il colore viola, storicamente legato alle casate nobili e regnanti (viola era spesso la fodera che rivestiva le corone) fosse stato scelto da Prince perché questo colore ne esprimeva in termini cromatici il proprio nome (Prince significa principe) e che quindi la pioggia viola – nella quale lui vorrebbe veder sorridere la ragazza a cui si rivolge nella canzone –  altri non sarebbe che lui stesso.

Purple Rain è stato scelto da Morgan come brano proposto da Chiara Galiazzo nella prima puntata della sesta edizione del programma X Factor.

Inoltre, si può vedere il comico Paolo Rossi cantare una versione di Purple Rain insieme ad un coro degli alpini per il lancio promozionale del suo nuovo programma in onda su Sky Uno HD.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Purple Rain

I never meant to cause you any sorrow. – Non intendevo causarti nessun dispiacere
I never meant to cause you any pain. – Non intendevo causarti nessun dolore
I only wanted to one time see you laughing. – Volevo solo vederti ridere una volta
I only wanted to see you laughing in the purple rain. – Volevo solo vederti ridere nella pioggia viola

Continua a leggere

eAdv

Categorie