Alternative Rock

FabiSilvestriGazze_def-950x520

Niccolò Fabi, Daniele Silvestri e Max Gazzè hanno pubblicato nel settembre 2014 un album che li vede impegnati come autori e interpreti su un piano paritario, dal titolo Il padrone della festa. Un concentrato di brani inediti nel quale ciascuno di loro tira fuori il meglio di sé, in uno scambio continuo che è arricchimento reciproco, contaminazione e stimolo.

La collaborazione tra questi artisti ha radici lontane: fin dagli anni novanta la scena musicale romana che li vedeva emergere ciascuno secondo il proprio percorso li aveva visti spesso protagonisti di performance congiunte in concerto, ma anche in studio (si ricordano soprattutto nel 1998 le due collaborazioni di Max Gazzè con Niccolò Fabi per Vento d’estate e con Daniele Silvestri per L’amore pensato. Un paio di anni prima Gazzè aveva anche partecipato come bassista a Il Dado, straordinario doppio album di Daniele Silvestri portato lungamente in tour).

Il risultato? Sicuramente uno dei migliori album italiani dell’anno. Da ascoltare assolutamente, se possibile anche dal vivo.

la-copertina-de-il-padrone-della-festa

Le Tracce de Il padrone della festa, in download digitale su iTunes a 9,99 euro.

1. Alzo le mani – 3:58
2. Life Is Sweet – 5:00
3. L’amore non esiste – 5:08
4. Canzone di Anna – 5:17
5. Arsenico – 2:50
6. Spigolo tondo – 3:39
7. Come mi pare – 4:02
8. Giovanni sulla terra – 3:38
9. Il Dio delle piccole cose – 3:39
10. L’avversario – 4:47
11. Zona Cesarini – 1:44
12. Il padrone della festa – 5:51

Breathe è una canzone della band inglese The Prodigy. E’ stata pubblicata nel novembre 1996 come secondo singolo dall’album The Fat of the Land.

La canzone divenne il secondo brano consecutivo del gruppo ad arrivare al numero uno nella classifica dei singoli di Regno Unito e Finlandia. The Prodigy hanno eseguito “Breathe” al MTV Video music Awards del 1997, dove hanno vinto il Choice Award.

Il video musicale è stato diretto da Walter Stern ed è stato girato in quello che assomigliava ad un condominio decrepito e abbandonato, con i membri della band e vari animali, come un coccodrillo, millepiedi e scarafaggi.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Breathe, in download digitale su iTunes

Breathe with me – Respira con me

Breathe the pressure – Respira la pressione
Come play my game, I’ll test ya – Vieni a giocare il mio gioco, ti metterò alla prova
Psycho-somatic addict-insane – Psico-somatico dipendente-insano
Breathe the pressure – Respira la pressione
Come play my game, I’ll test ya – Vieni a giocare il mio gioco, ti metterò alla prova
Psycho-somatic addict-insane – Psico-somatico dipendente-insano Continua a leggere

Ghost Stories è il sesto album in studio dei Coldplay. E’ stato pubblicato il 19 maggio 2014 ed prodotto dagli stessi Coldplay, Paul Epworth, Rik Simpson, Jon Hopkins, Dan Green, Timbaland e Avicii.

Nel disco – un concept album che ruota attorno a due tematiche, l’idea delle azioni passate e la propria capacità di amare – troviamo 9 tracce e una ghost track. I tre singoli che hanno anticipato il lavoro sono Magic, Midnight e A sky ful of stars.

Autrice della copertina che rappresenta due ali, è l’artista Mila Furstova, nata in Cecoslovacchia ma londinese d’adozione.

Ghost Stories Coldplay copertina cd artwork

La lista tracce di Ghost Stories – in download su iTunes al costo di 10,99 Euro

1 Always In My Head 3:36
2 Magic 4:45
3 Ink 3:48
4 True Love 4:05
5 Midnight 4:54
6 Another’s Arms 3:54
7 Oceans 5:21
8 A Sky Full of Stars 4:28
9 O (Hidden Track) 7:46

Digital Booklet – Ghost Stories

le luci della centrale elettrica costellazioni

L’album è stato anticipato dal singolo I destini generali, in radio dal 28 febbraio 2014.

La tracklist e il link per scaricare Costellazioni – Le Luci della Centrale Elettrica da iTunes

1 La terra, l’Emilia, la luna 2:52
2 Macbeth nella nebbia 2:59
3 Le ragazze stanno bene 3:46
4 I destini generali 3:43
5 I Sonic Youth 3:06
6 Firmamento 1:45
7 Un bar sulla via lattea 4:13
8 Ti vendi bene 2:33
9 Una cosa spirituale 2:09
10 Padre nostro dei satelliti 2:44
11 Questo scontro tranquillo 2:45
12 Punk sentimentale 3:43
13 Blues del delta del Po 2:46
14 Una guerra lampo pop 2:29
15 40 Km 4:25

Digital Booklet – Costellazioni

Mandela Day è una canzone dei Simple Minds dal loro album Street Fighting Years.

E’ anche conosciuta come Ballad of the Streets, mettendo in evidenza sia questa che il suo Lato A, la bellissima Belfast Child, che ha raggiunto il numero 1 nelle classifiche britanniche nel 1989.

Il brano è stato scritto per il Nelson Mandela 70th Birthday Tribute (noto anche come Mandela Day), un concerto tenuto allo stadio di Wembley, a Londra, l’11 Giugno 1988, come espressione di solidarietà con l’allora imprigionato Nelson Mandela.

Questo è il nostro doveroso tributo a un grande uomo, Nelson Rolihlahla Mandela, nato Mvezo il 18 luglio 1918 e morto a Johannesburg il 5 dicembre 2013.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Mandela Day – link per scaricarla da iTunes

It was 25 years they take that man away – Sono 25 anni che hanno portato via quell’uomo
Now the freedom moves in closer every day – ora la libertà si avvicina ogni giorno di più
Wipe the tears down from your saddened eyes – asciuga via le lacrime dai tuoi occhi rattristati
They say Mandela’s free so step outside – hanno detto che Mandela è libero e allora fatelo uscire
Mandela day – il giorno di Mandela
Mandela’s free – Mandela è libero

Continua a leggere

Song 2 è una canzone dalla band inglese di alternative rock Blur, ed è stata la seconda traccia dal loro omonimo quinto album di studio del 1997. Raggiunse la posizione numero due nella UK Singles Chart ed ebbe un grandissimo successo in tutto il mondo. E’ uno dei brani più noti dei Blur.

Al 1997 MTV Video Music Awards, quello di Song 2 è stato nominato come miglior video di gruppo e miglior video alternativo. Ai Brit Awards 1998 la canzone è stata nominata come Miglior Singolo Britannico e Miglior Video britannico.

Song 2 è stata scelta da Mika per l’interpretazione di Gaia nella Sesta puntata di X Factor 7 del 28 Novembre 2013

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Song 2 in download digitale su iTunes

I got my head checked – La mia testa ha avuto un incontro ravvicinato
By a jumbo jet – Con un jumbo jet
It wasn’t easy – Non è stato facile
But nothing is, no – Ma nulla lo è, no

When I feel heavy metal – Quando mi sento heavy metal
And I’m pins and I’m needles – E sento formicolii come quando ti si addormenta un braccio
Well I lie and I’m easy – Beh, mi sdraio e mi rilasso
All of the time but I’m never sure when I need you – Tutto il tempo, ma non sono mai sicuro di quando ho bisogno di te
Pleased to meet you – Piacere di conoscerti

I got my head done – Ero davvero fastidioso
When I was young – Quando ero giovane
It’s not my problem – Non è un mio problema
It’s not my problem – Non è un mio problema

When I feel heavy metal – Quando mi sento heavy metal
And I’m pins and I’m needles – E sento formicolii come quando ti si addormenta un braccio
Well I lie and I’m easy – Beh, mi sdraio e mi rilasso
All of the time but I’m never sure when I need you – Tutto il tempo, ma non sono mai sicuro di quando ho bisogno di te
Pleased to meet you – Piacere di conoscerti

Yeah, yeah – Yeah, yeah
Yeah, yeah – Yeah, yeah
Yeah, yeah – Yeah, yeah
Oh, yeah – Oh, sì

I Blind Faith sono stati una rock blues band inglese che comprendeva Eric Clapton, Ginger Baker, Steve Winwood e Ric Grech. La band, che è stato uno dei primi codiddetti “super-gruppi”, ha pubblicato il loro unico album omonimo, Blind Faith, nel mese di agosto 1969. Hanno contribuito ad aprire la strada al genere blues/rock fusion.

Can’t Find My Way Home è stata scritta da Steve Winwood ed è stata scelta da Morgan per l’interpretazione di Andrea nella Sesta puntata di X Factor 7 del 28 Novembre 2013

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Can’t Find My Way Home in download digitale su iTunes

Come down off your throne and leave your body alone – Scendi dal tuo trono e lascia il tuo corpo solitario
Somebody must change – Qualcuno deve cambiare
You are the reason I’ve been waiting so long – Tu sei la ragione per cui ho aspettato così a lungo
Somebody holds the key – Qualcuno ha la chiave

Well, I’m near the end and I just ain’t got the time – Beh, io sono vicino alla fine e io non ho il tempo
And I’m wasted and I can’t find my way home – E sto sprecato e non riesco a trovare la mia strada di casa

Come down on your own and leave your body alone – Scendi da solo e lascia il tuo corpo solitario
Somebody must change – Qualcuno deve cambiare
You are the reason I’ve been waiting all these years – Tu sei il motivo per cui ho aspettato tutti questi anni
Somebody holds the key – Qualcuno ha la chiave

But I’m near the end and I just ain’t got the time – Ma io sono vicino alla fine e non ho il tempo
Oh, and I’m wasted and I can’t find my way home – Oh, e sono devastato e non riesco a trovare la mia strada verso casa

But I can’t find my way home – Ma non riesco a trovare la mia strada verso casa
But I can’t find my way home – Ma non riesco a trovare la mia strada verso casa
But I can’t find my way home – Ma non riesco a trovare la mia strada verso casa
But I can’t find my way home – Ma non riesco a trovare la mia strada verso casa

Still I can’t find my way home – Ancora non riesco a trovare la mia strada verso casa
And I ain’t done nothing wrong – E non ho fatto nulla di male
But I can’t find my way home – Ma non riesco a trovare la mia strada verso casa

Going under è una canzone della rock band americana Evanescence. E’ stata pubblicata il 9 settembre 2003 come secondo singolo dal loro album di debutto Fallen. È stata scritta da Amy Lee, David Hodges e Ben Moody, mentre la produzione è stata gestita da Dave Fortman.

Il video musicale per la canzone è stato diretto da Philipp Stölzl ed è stato girato nel maggio 2003 in Germania. Mostra la cantante, Amy Lee, mentre canta in concerto insieme alla band, mentre i fan si stanno trasformando in zombie. Amy nel video “va sotto” tuffandosi in una vasca piena d’acqua che rappresenta tutte le lacrime che ha versato – che vengono citate nel testo – e nelle quali sente immersa. Nel testo sono molte le metafore di questo tipo (lei che “annega” in lui, e nel dolore che la fine della loro storia le ha causato) quindi tutto il significato del testo ruota attorno alla rappresentazione visuale del dolore come un liquido nel quale si affonda e che leva il respiro.

Going under è stata scelta da Simona Ventura per l’interpretazione degli Ape Escape nella Quinta puntata di X Factor 7 del 21 Novembre 2013.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Going under in download digitale su iTunes

Now I will tell you what I’ve done for you – Adesso ti dirò cosa ho fatto per te
50 thousand tears I’ve cried – Ho versato cinquantamila lacrime
Screaming, deceiving and bleeding for you – urlando, ingannando e sanguinando per te
and you still won’t hear me – e tu comunque non mi ascolti
Don’t want your hand this time I’ll save myself – non voglio la tua mano questa volta, mi salverò da sola
Maybe I’ll wake up for once – forse una volta tanto mi sveglierò
Not tormented, daily defeated by you – non tormentata, sconfitta ogni giorno da te
Just when I thought I’d reached the bottom – solo che quando pensavo di aver raggiunto il fondo
I’m dying again – Io muoio di nuovo Continua a leggere

Sirens è il secondo singolo estratto da Lightning Bolt, decimo album dei Pearl Jam, pubblicato il 14 ottobre 2013.

L’autore, il chitarrista Mike McCready ha dichiarato: “Ero al concerto di Roger Waters ed ero completamente coinvolto da The Wall, volevo scrivere qualcosa che potesse suscitare le stesse emozioni suscitate dai Pink Floyd

Il video ufficiale del brano, rilasciato il 19 settembre, è diretto da Danny Clinch ed è stato pubblicato il 18 settembre.

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione di Sirens – In download su iTunes

Hear the sirens, hear the siren
Hear the siren, hear the circus all go found
I hear the sirens more and more in this here town
Let me catch my breath to breathe then reach across the bend
Just to know we’re safe, I am a grateful man
This light is pit, alive and I can see you clear

Continua a leggere

Mentre tutto scorre è la canzone che i Negramaro hanno portato all’edizione del 2005 del Festival di Sanremo, la numero 55, dove ha ricevuto il Premio della Critica Radio & TV.

Scritta da Giuliano Sangiorgi, è stata poi inserita come seconda traccia e title track del terzo album della band, pubblicato il 4 marzo 2005. Nel 2013 è stata anche inserita nella raccolta Una storia semplice.

Il video ufficiale è stato girato a Roma dal regista Alessandro D’Alatri, che sempre nel 2005 aveva utilizzato alcuni brani dei Negramaro per il suo film La febbre.

Mentre tutto scorre è stata scelta da Simona Ventura per l’interpretazione degli Ape Escape nella Quarta puntata di X Factor 7 del 14 Novembre 2013

Immagine anteprima YouTube

Il testo de Mentre Tutto scorre – In download su iTunes

Parla in fretta
e non pensar
se quel che dici
può far male
perché mai
io dovrei
fingere
di essere fragile
come tu mi vuoi vuoi
nasconderti

Continua a leggere

eAdv

Categorie