Arisa ha vinto la 64a edizione del Festival di Sanremo con Viaggiando controvento, un bel brano che evidenzia le sue straordinarie qualità vocali con una melodia che resta impressa già dai primi ascolti e un testo che racconta la storia di una donna che sceglie di dedicare completamente il proprio amore ad una persona che attraversa un momento non facile.

Cosa significa il testo di Viaggiando controvento? Il titolo sembrerebbe fare riferimento ad un viaggio fisico, quasi una regata in mare dove il vento contro rende difficile il procedere. Non è così, si tratta di una metafora, e molte altre sono descritte nel testo.

Il brano si apre con una considerazione: “Io non credo nei miracoli, meglio che ti liberi, meglio che ti guardi dentro” che è quella di chi guarda alle cose con buonsenso: non aspettare che la soluzione ai problemi cali dall’alto come se un dio avesse deciso di risolverli, ma la liberazione da questi problemi deve venire da dentro, da noi stessi. Non si tratta di problemi unici o straordinari: molti vivono situazioni dolorose (“Questa vita lascia i lividi”) o che mettono paura (“questa mette i brividi“) tanto che più che una vita sembra una lotta contro un avversario invisibile (“certe volte è più un combattimento“). Nel caso della persona a cui si rivolge il testo le difficoltà non sono dovute a dispiaceri o timori, ma è più un vuoto interiore, un senso di smarrimento, quella sensazione a cui non si riesce a dare una origine o un volto (e per questo anche la si tiene nascosta: per l’incapacità di descriverla agli altri) e scava dentro come un fuoco “C’è quel vuoto che non sai/che poi non dici mai/che brucia nelle vene“. È una sensazione terribile perché ci si sente come se inspiegabilmente tutto fosse minaccioso e ostile (“come se il mondo è contro te e tu non sai il perché“). Ma allora come può conoscerlo un’altra persona? Semplice, perché ci è passata e lo sa (“lo so: me lo ricordo bene“) e il ricordo di quello che si prova resta indelebile.

Nasce allora di fronte ad una persona che sta passando ciò che abbiamo passato noi e a cui si vuole bene il desiderio di aiutarla e di starle accanto, anche se non è facile. E la difficoltà nasce anche dal fatto che chiunque fa parte di quel mondo minaccioso che chi prova queste emozioni vede davanti a sé: persino chi cerca di fare qualcosa. La chiave può allora essere semplicemente restare accanto (“Io sono qui, per ascoltare un sogno/non parlerò, se non ne avrai bisogno/ma ci sarò“) ad esempio per farsi raccontare i sogni fatti (che spesso sono la via attraverso l’inconscio cerca di tirare fuori le emozioni che teniamo nascoste) o comunque esserci, semplicemente. Che non significa trasformarsi in infermiere o psicoterapeuti fai-da-te: significa solo dimostrare il proprio affetto con la presenza, anche quando il percorso di vita quotidiana è difficile, proprio come andare in barca a vela controvento (“perché così mi sento: accanto a te/viaggiando controvento”).

Non c’è quindi pretesa di guarire la persona amata dai sui problemi, solo il desiderio di dimostrare il proprio amore (“Risolverò/magari poco o niente, ma ci sarò/e questo è l’importante“). Per poco che sia, aiutare anche solo per un attimo, come se fosse acqua che spegne quel “fuoco nelle vene” con cui descriveva questo modo di sentirsi (“acqua sarò, che spegnerà un momento“).

Quanto ci vorrà per uscire da questo modo di stare nessuno può saperlo, né cosa potrà davvero aiutarlo a risolvere la situazione (“Tanto il tempo solo lui lo sa, quando e come finirà/la tua sofferenza e il tuo lamento“), ma lei è lì per dimostrargli che se ne esce, che si può arrivare a stare meglio e gli resterà accanto.

Un testo molto intenso, che parla senza mai citarla espressamente di depressione, o comunque di tutte quelle forme di disagio che – anche senza sfociare in vere e proprie patologie depressive – possono colpire chiunque per cause molto diverse, e dalle quali a volte è davvero difficile uscire senza un aiuto. Per questo chi è passato attraverso questa esperienza e la riconosce negli altri prova spesso una immediata empatia e il desiderio di poter fare qualcosa, anche solo testimoniando che così come è cominciata, finirà, e si può arrivare a stare meglio.

Immagine anteprima YouTube

Il testo di Controvento, in download digitale su iTunes

Io non credo nei miracoli, meglio che ti liberi, meglio che ti guardi dentro
Questa vita lascia i lividi, questa mette i brividi… certe volte è più un combattimento
C’è quel vuoto che non sai
che poi non dici mai
che brucia nelle vene
come se il mondo è contro te e tu non sai il perché
lo so: me lo ricordo bene

Io sono qui, per ascoltare un sogno
non parlerò, se non ne avrai bisogno
ma ci sarò
perché così mi sento: accanto a te
viaggiando controvento

Risolverò
magari poco o niente, ma ci sarò
e questo è l’importante:
acqua sarò, che spegnerà un momento
accanto a te, viaggiando controvento

Tanto il tempo solo lui lo sa, quando e come finirà
la tua sofferenza e il tuo lamento
c’è
quel vuoto che non sai
che poi non dici mai
che brucia nelle vene, come se
il mondo è contro te e tu non sai il perché
lo so, me lo ricordo bene

Io sono qui per ascoltare un sogno
non parlerò, se non ne avrai bisogno
ma ci sarò
perché così mi sento: accanto a te
viaggiando controvento

Risolverò
magari poco o niente, ma ci sarò
e questo è l’importante
acqua sarò, che spegnerà un momento
accanto a te, viaggiando controvento

Viaggiando controvento
Viaggiando controvento

Acqua sarò che spegnerà un momento
accanto a te, viaggiando controvento

pippo

4 risposte a Arisa – Controvento

Rispondi

eAdv

Categorie