Testo e musica di Luca Barbarossa, L’amore Rubato è una canzone struggente che racconta senza filtri la storia di una violenza sessuale.

Il cantautore romano la presenta al Festival di Sanremo del 1988 conquistando il terzo posto, in quella occasione ricevette in diretta televisiva i complimenti di Franca Rame e Dario Fo, che gli inviarono un telegramma.

Immagine anteprima YouTube

Il testo de L’amore Rubato

La ragazza non immaginava
che anche quello fosse l’amore
in mezzo all’erba lei tremava
sentiva addosso ancora l’odore

“Chissà chi era cosa voleva
perché ha ucciso i miei pensieri
chissà se un giorno potrò scordare
e ritornare quella di ieri”

La ragazza non immaginava
che così forte fosse il dolore
passava il vento e lei pregava
che non tornassero quelle parole

“Adesso muoviti fammi godere
se non ti piace puoi anche gridare
tanto nessuno potrà sentire
tanto nessuno ti potrà salvare”

E lei sognava una musica dolce
e labbra morbide da accarezzare
chiari di luna e onde del mare
piccole frasi da sussurrare
e lei sognava un amore profondo
unico e grande più grande del mondo
come un fiore che è stato spezzato
così l’amore le avevan rubato

La ragazza non immaginava
che così lento fosse il dolore
stesa nel prato lei piangeva
sulle sue lacrime nasceva il sole

E lei sognava una musica dolce
e labbra morbide da accarezzare
chiari di luna e onde del mare
piccole frasi da sussurrare
e lei sognava un amore profondo
unico e grande più grande del mondo
ma il vento adesso le aveva lasciato
solo il ricordo di un amore rubato

Come un fiore che è stato spezzato
così l’amore le avevan rubato

Via | www.lucabarbarossa.it

pippo

Rispondi

eAdv

Categorie