Il video di Nun te scurdà è girato dal regista napoletano Pappi Corsicato. Il brano è inserito nel secondo album di studio degli Almamegretta,  Sanacore del 1995, il quale è stato considerato dalla rivista Rolling Stone al 36° posto nella classifica dei 100 album italiani più belli di sempre.

Sanacore 1.9.9.5. può essere scaricato in download digitale su iTunes al costo di 8,99 €

Immagine anteprima YouTube

Il testo e la traduzione  dal napoletano di Nun te scurdà

E ssentevo quanno ero figliola, ‘o cchiammavano ammore – Le sentivo quando ero ragazza, lo chiamavano amore
chellu fuoco ca te nasce mpietto e ca maje se ne more – quel fuoco che ti nasce in petto e che mai se ne muore
‘e ccumpagne parlavano zitto ‘e sta cosa scurnosa – le compagne parlavano sottovoce di questa cosa imbarazzante, intima,
ca na femmena ‘a fa sulamente ‘o mumento ca sposa – che una donna fa solamente nel momento in cui si sposa
e pure si sposa ‘un songo stata maje – e se pure sposa non sono mai stata
saccio comme volle ‘o sanghe e ‘ o core sbatte forte assaje – so come ribolle il sangue e il cuore sbatte assai forte
quanno ‘a voce d’ ‘a passione chiamma a te – quando la voce della passione chiama te
quanno zitto int’ ‘a recchia tu te siente ‘e murmulia’ – quando silenziosamente nell’orecchio tu ti senti mormorare

nun te scurdà, nun te scurdà – non dimenticarti, non dimenticarti
nun te scurdà pecché sta vita se ne va – non dimenticarti perché questa vita se ne va
nun te scurdà maje ‘e te – non dimenticarti mai di te
nun te scurdà, nun te scurdà – non dimenticarti, non dimenticarti
nun te scurdà pecché si no che campe a fà – non dimenticarti perché sennò che vivi a fare
nun te scurdà ‘e te, maje – non dimenticarti di te, mai

E tanto ‘e ll’ammore ca ‘a sciorta m’a miso int’ ‘e mmane – Ed è tanto l’amore che la sorte mi ha messo nelle mani
ca ‘o vvengo e ‘a ggente pe’ chesto me chiamma puttana – che lo vendo e la gente per questo mi chiama puttana
nun’aggio maje saputo stà carcerata int’ ‘a casa – non ho mai saputo stare carcerata in una casa
e n’ommo ca capeva chesto nun l’aggio truvato – e un uomo che capisse questo, non l’ho mai trovato

a chi me schifa dico nun vuo’ vede’ – a chi mi schifa dico non vuoi vedere
ca ‘o cuorpo tu t’ ‘o vinne comme a me – che il tuo corpo tu lo vendi come me
nun me suppuorte e chest’ ‘o ssaccio già – non mi sopporti e questo già lo so
i’ songo ‘o specchio addù nun te vulisse maje guardà – io sono lo specchio dove non vorresti mai guardarti

nun te scurdà nun te scurdà – non dimenticarti, non dimenticarti
nun te scurdà pecché sta vita se ne va – non dimenticarti perché questa vita se ne va
nun te scurdà, maje ‘e te – non dimenticarti mai di te

nun te scurdà nun te scurdà – non dimenticarti, non dimenticarti
nun te scurdà pecché si no che campe a fà – non dimenticarti perché sennò che vivi a fare
nun te scurdà ‘e te, maje – non dimenticarti di te, mai

mamma, puttana o brutta copia ’e n’ommo – mamma, puttana o brutta copia di uomo
chest’è na femmena int’ ‘a chesta parte ‘e munno – è questa la donna in questa parte del mondo
ca quanno nasce a cchesto è destinata – che quando nasce a questo è destinata
e si ‘a cummanna ‘o core d’ ‘a ggente è cundannata. – e se si fa comandare dal cuore della gente, è condannata

mamma, puttana o brutta copia ‘e n’ommo – mamma, puttana o brutta copia di uomo
avesse voluto ‘e cchiù int’ ‘a chesta parte ‘e munno – avrei voluto di più, da questa parte del mondo
apprezzata no p’ ‘e mascule sgravate no p’ ‘e chisto cuorpo bello – non solo apprezzata per i maschi partoriti e non per questo bel corpo
no p’ ‘e mazzate che aggio dato –  e non per le botte che ho dato,
sulamente pecché femmena so’ stata – solo perché sono stata una donna
e nu catenaccio ‘o core nun me l’aggio maje nzerrato – e con un catenaccio il mio cuore non l’ho mai chiuso
sulamente pecché femmena so’ stata – solo perché sono stata una donna
sulamente femmena… – solamente una donna…

nun te scurdà nun te scurdà – non dimenticarti, non dimenticarti
nun te scurdà pecché sta vita se ne va – non dimenticarti perché questa vita se ne va
nun te scurdà, maje ‘e te – non dimenticarti mai di te

nun te scurdà nun te scurdà – non dimenticarti, non dimenticarti
nun te scurdà pecché si no che campe a fà – non dimenticarti perché sennò che vivi a fare
nun te scurdà ‘e te, maje – non dimenticarti di te, mai

pippo

Rispondi

eAdv

Categorie