Ti sposerò è estratta dal secondo album di studio di Loredana Errore, Pioggia di comete uscito nell’agosto 2012. Il brano è scritto dal bravissimo Francesco Silvestre, detto Kekko, cantautore e frontman dei Modà, già autore di numerosi successi scritti per altri cantautori, tra cui Emma Marrone – che con il suo brano Non è l’inferno ha vinto il Festival di Sanremo 2012 – e Alessandra Amoroso.

Ti sposerò parla di un amore contrastato: lei è da sola, e pensa all’uomo che ama, prima con rassegnazione (“Resto immobile/Come un albero che si rassegna a guardar le sue foglie che cadono”), ma poi, quando le vengono in mente i momenti di sintonia che li unisce e che continua ad unirli anche adesso che le azioni dell’uno feriscono l’altra (“Complici, anche quando si tratta di farsi del male”) e che lo evita, convinta di soffrire molto mentre lui ora sta bene (“Evitarti convinta che io ci sto male… e tu no”), un sentimento di riscossa la anima perché è convinta che il loro futuro sia insieme e anche solo far l’amore una volta ancora lo convincerebbe (“Dimmi pure che son pazza, ma so, so che ti sposerò/Se facciamo l’amore ti convincerò).

Lei si perde, in questa immagine di loro di nuovo insieme, complici e uniti come sono sempre stati (“Portami dov’è buio e perdiamoci/Dove il rumore del silenzio lo trasformeremo in musica”), ma non è disposta a donarsi ad un uomo pronto solo a prenderla una volta ancora e poi sparire (“E non accendermi/Quando aprirai i tuoi occhi su di me/Fallo solo se prima prometti che non te ne vai”).

La giornata di lei è piena di lui: si sveglia al mattino presto pensandolo, e la giornata senza di lui scorre lenta e pigra e sprecata in lunghe ore di sonno per non pensare (“Ci sei tu/Dentro l’alba di un’altra giornata che passa/E che pigra si trascinerà/Dormirò”). Lei accetta le critiche, è tutto vero: che è stupida, che è stronza, ma una cosa non è vera, che si racconti da sola delle bugie. E non è una bugia, non è un modo di dire, che lei creda davvero che un giorno si sposeranno.  (“Sarò stupida, stronza, ma falsa con me, questo no!/Perché in fondo ci credo che ti sposerò”).

Ti sposerò è una invocazione al ritorno dell’uomo di cui è innamorata: che siano i corpi a parlare facendo l’amore e sarà questo a convincerlo(“Ora spogliami/E ora spogliati/Ora prendimi/Ora vivimi/Ti convincerò sempre più forte che ti sposerò”).

Immagine anteprima YouTube

Il testo di Ti sposerò

Resto immobile
Come un albero che si rassegna a guardar le sue foglie che cadono
Complici, anche quando si tratta di farsi del male
Evitarti convinta che io ci sto male… e tu no
Dimmi pure che son pazza, ma so, so che ti sposerò
Se facciamo l’amore ti convincerò
Eee…

Portami dov’è buio e perdiamoci
Dove il rumore del silenzio lo trasformeremo in musica
E non accendermi
Quando aprirai i tuoi occhi su di me
Fallo solo se prima prometti che non te ne vai

Ci sei tu
Dentro l’alba di un’altra giornata che passa
E che pigra si trascinerà
Dormirò
Sarò stupida, stronza, ma falsa con me, questo no!
Perché in fondo ci credo che ti sposerò
Eee…

Portami dov’è buio e perdiamoci
Dove il rumore del silenzio lo trasformeremo in musica
E non accendermi
Quando aprirai i tuoi occhi su di me
Fallo solo se prima prometti che non te ne vai

Ora spogliami
E ora spogliati
Ora prendimi
Ora vivimi
Ti convincerò sempre più forte che ti sposerò
Allora…

Portami dov’è buio e perdiamoci
Dove il rumore del silenzio lo trasformeremo in musica
E non accendermi
Quando aprirai i tuoi occhi su di me
Fallo solo se prima prometti che non…
Fallo solo se prima prometti che non…
Fallo solo se prima prometti che non te ne vai!

pippo

Rispondi

eAdv

Categorie