Codex è un meraviglioso brano dei Radiohead contenuto nell’album The King of Limbs del 2011.

Si tratta, come per Pyramid Song, di una canzone molto pacata e riflessiva, che lascia ampio spazio alla riflessione interiore. Il pianoforte srotola una melodia ipnotica su cui si adagia la voce mai banale di Thom Yorke.

Il testo si apre con una espressione (“Sleight of hand”) che indica una particolare branca dell’illusionismo nota come prestidigitazione, cioè quell’abilità che consente agli illusionisti ad esempio di far “sparire” le carte o altri oggetti tra le mani (uno dei più noti in Italia è il Mago Silvan e a livello mondiale, David Copperfield). Dunque il tema si apre su una illusione, su una qualità particolare: quella di far sembrare le cose in un modo e poi scoprire che sono diverse. Senza svelare come questo sia possibile. Si apre dunque forse su qualcosa che è nascosto nella mente del protagonista del pezzo, che però non è come sembra.

Un dolore si percepisce, tra la malinconia della musica e la voce, che è quasi un lamento. La paura forse di ferire gli altri, di perdere se stessi. Spesso paradossalmente sono proprio gli individui più sensibili e dolci a temere che le proprie azioni facciano del male alle persone che stanno loro accanto. E quando si ritrovano da sole si fanno prendere dall’angoscia di sbagliare, di essere inadeguate e si fa strada il senso di colpa.

Il “codice” (dal titolo del brano) per uscire da questa sensazione – il trucco – è sapersi gettare nel proprio lago interiore, capire che non si è fatto nulla di sbagliato e che le persone accanto non per forza stanno soffrendo per qualcosa che abbiamo fatto noi. Il lago è limpido, l’acqua è chiara e innocente. Ci sono libellule, ci si può lasciar andare alla fantasia, alla dolcezza. E insieme al perdono di sè, viene la pace.

Non sono certa che i Radiohead volessero metterci questo significato: quello che so è che questo brano riesce a ristabilire l’armonia intorno a chi lo ascolta e dà una pace infinita.

Immagine anteprima YouTube

Sleight of hand –  Lesto di mano
Jump off the end – Salta dal ciglio
Into a clear – In un limpido
a lake – lago

No one around – Nessuno nei paraggi
Just dragonflies – Solo libellule
Fantasised – Fantasticare
No one gets hurt – Nessuno si fa male
You’ve done nothing wrong – Non hai fatto niente di male

Slide your hand – Fai scorrere la mano
Jump off the end – Salta dal ciglio
The water’s clear and innocent – L’acqua è limpida e innocente
The water’s clear and innocent – L’acqua è limpida e innocente

pippo

Rispondi

eAdv

Categorie